Controversa incontra: Progetto Quid

Pubblicato il
30 Lug, 2021

Controversa come strumento di racconto di infinite possibilità di rinnovamento.

Progetto Quid ha fatto del riuso creativo delle eccedenze di tessuti pregiati proprio quel quid in più, il loro mantra operativo.

Per la loro nuova collezione ReBlossom, un inno alla bellezza che rifiorisce e sboccia nonostante tutto, hanno scelto Controversa come strumento per raccontare queste infinite possibilità di rinnovamento.

Un progetto che unisce il lavoro di tante persone che hanno saputo capovolgere la propria storia, proprio come farà chi userà Controversa per scriverne una nuova.

Ne abbiamo parlato con il team del brand.

Ciao team Progetto Quid, vi chiediamo una piccola presentazione: ci piacerebbe farla però in modalità Controversa! Pensando a una scatola che racchiuda un kit che vi racconti, cosa troveremmo?

Ciao! Vediamo cosa non potrebbe mancare… sicuramente una molletta, come quella che trovate nel nostro logo, un oggetto semplice che unisce aspetti diversi e complessi, che nel nostro caso sono valori di mercato e valori sociali. Poi ci sarebbero tanti rocchetti di filo multicolore, un po’ come noi, che parliamo più di 17 lingue diverse (anche quella dei segni!) e abbiamo origini e storie differenti! Una matita, senz’altro, per tracciare strade nuove e idee di stile; un ago, per accorciare le distanze e creare legami resistenti con i nostri partner e i nostri sostenitori; e infine una gomma pane, per imparare dagli errori, trovare una soluzione e ripartire.

Quali sono gli aspetti del vostro lavoro che vi piacciono di più?

La sensazione di stare facendo la nostra piccola parte per migliorare un pochino il mondo, creando bellezza, dando una nuova vita a tessuti splendidi altrimenti inutilizzati e opportunità di lavoro a chi ne ha più bisogno.

Guardandovi indietro, cosa ha rappresentato una sfida nel vostro percorso lavorativo?

La sostenibilità sta finalmente diventando un tema sempre più tenuto in considerazione, ma non è sempre stato così: quando Quid è nata, nel 2013, riuscire a far apprezzare la nostra idea di upcycling e apparire come partner affidabili nonostante la nostra esperienza agli inizi e la giovane età dei fondatori è stato indubbiamente complicato, ma è una sfida che sentiamo di aver superato.

Quali sono stati invece i momenti particolarmente luminosi?

Le tante conferme arrivate in primis da chi ci apprezza ogni giorno, e poi dai riconoscimenti nazionali e internazionali che ci sono stati conferiti: la notizia della vittoria del "Responsible Disruption Award" ai Green Carpet Fashion Awards 2020 e la nomina della nostra presidente e fondatrice, Anna Fiscale, a Cavaliere dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana sono stati due momenti di grande felicità per tutti e tutte noi!

Perché avete scelto Controversa per il vostro business?

Da sempre amiamo le evoluzioni inaspettate, le nuove possibilità, la bellezza che si rinnova: siamo sempre alla ricerca di idee in linea con il nostro approccio originale alla sostenibilità e Controversa ci è sembrata fin da subito il complemento ideale per le nostre creazioni — buone e belle dentro e fuori!

Come avete progettato la vostra Controversa?

Abbiamo scelto di personalizzarla con il pattern iconico di collezione: le api, simbolo di vita e di rinnovamento, così necessarie eppure sempre più in pericolo. Questo microcosmo laborioso diventato pattern giocoso ha rivestito un’edizione limitata di Controversa inviata a chi avesse acquistato online su www.progettoquid.it almeno un capo della nostra collezione P/E 21 “Reblossom”.

Controversa nasce come strumento per diversi business e ci piacerebbe sapere che cosa desiderereste per il vostro futuro professionale: ci sono altri strumenti di cui sentite la necessità?

Con nostro grande piacere, il pubblico è sempre più attento e premia il packaging sostenibile o riutilizzabile; lato nostro, dobbiamo sempre tenere in considerazione anche la sicurezza e l’adeguata conservazione del capo durante la spedizione, ragione per cui apprezzeremmo l’arrivo sul mercato di sempre più soluzioni di packaging sicure, economiche e sostenibili.

A chi consigliereste Controversa?

A chi ama distinguersi in positivo!